“ASCOLTO” il MIO ORIZZONTE… L’OSTEOPATIA & il SURF

"ASCOLTO" IL MIO ORIZZONTE... L'OSTEOPATIA & IL SURF

L’obiettivo di questo piccolo depliant è quello di incuriosirvi a fine di approfondire, di persona, questa affascinante relazione che vi è tra la persona ed il corpo umano.

 

INTRODUZIONE

Nell’antica società polinesiana il surf era intrecciato con ogni aspetto della vita quotidiana: la famiglia, il lavoro, la guerra, il mito, la religione. La verità è che la pratica stessa del surf contiene in sé un ineludibile seme di ribellione, qualcosa che spinge il surfista a procurar battaglia: non si tratta di menare le mani (non sempre, per lo meno), piuttosto di sfogare una voglia primitiva di libertà e di confronto, anche con se stessi. Surfavano le donne, i sacerdoti e i notabili, abituati a lussuose tavole di legno, le “olo”, lunghe fino a sette metri e pesanti circa un quintale.
Alla base di tutto c’era una diversa concezione del mare: non dare mai le spalle all’oceano, (detto hawaiano) eppure, per quanto severo, il mare dei polinesiani è un dio che accetta di essere corteggiato.
Il surf è la storia di una rivoluzione personale e collettiva, una storia costellata di insofferenze feroci, di curve repentine e di atleti che si divincolano da qualsiasi cosa possa sembrargli una limitazione della propria libertà.
Un vero e proprio “movimento dei surfisti”, però, non è mai esistito, e questo perché i surfisti erano talmente abituati a essere contro che alla fine ce l’avevano anche con chi era contro. Nulla di organizzato o strutturato, solo un istinto viscerale. La ribellione, appunto.

Dennis Aaberg, cosceneggiatore del film “Un mercoledì da leoni”, afferma: «Le onde arrivano da chissà dove, si materializzano sulla costa e si infrangono velocemente, sparendo nel nulla. Rincorrere questi miraggi è una completa perdita di tempo, ed è quello che ho deciso di fare della mia vita.»
Dissipare il tempo è la nostra rivoluzione, e d’altra parte i surfisti sono fra i pochi che possono concedersi il lusso di questo spreco. Nel surf il terreno di gioco cambia in continuazione: ogni onda è uguale solo a se stessa, esattamente come ogni secondo che trascorre è diverso da tutti gli altri. In ogni istante della propria vita, ogni surfista ha perfettamente chiaro, in un angolo del cervello, che mentre dorme, mangia o lavora, da qualche parte nel mondo ci sono onde che frangono vergini e inesplorate. Bum, bum, bum, questo rumore che batte in testa, questo rincorrersi di frangenti che si sgretolano, somiglia tanto al ticchettare dei secondi che scivolano verso il passato. Ogni onda lasciata andare è un’onda sprecata, irrecuperabile come un istante perduto: non ce ne sarà mai un’altra uguale. La consapevolezza di questo sperpero agita più o meno consciamente qualsiasi surfista.
Affrontare il mare con una tavola, anche quando le onde sono alte trenta centimetri, significa sentire sulla propria pelle (letteralmente) l’energia che si propaga nell’acqua da costa a costa, una scossa sul dorso della Terra. Tornare in spiaggia significa avvertire immediatamente la nostalgia di quella sensazione, per ragioni difficili da spiegare a parole.
Il surf è un ottimo maestro quando si tratta di insegnare concetti elementari: i difficili rapporti tra uomo e natura, l’irreversibilità del tempo, la necessità di contare soprattutto su se stessi.
Il surfista è come l’esploratore di cui parlava T.S. Eliot, che alla fine del viaggio torna al punto di partenza e lo vede come fosse la prima volta. Abituati alla folla e al rumore, pagaiamo verso il largo fendendo la schiuma, fino a raggiungere il silenzio e la solitudine. Una conquista da non sottovalutare. Al mare si va con gli amici, e con gli amici si torna, ma quando sei in acqua sei fondamentalmente solo. Il surf non è uno sport di squadra, è una roba da introversi. Ci vuole una buona dose di energia interiore per sopportare l’enorme solitudine che si prova in balia di una mareggiata, appollaiati su un fuscello sottile mentre l’oceano si affanna in direzione della costa. È la condizione tipica del surfista, e nessun aneddoto è in grado di descriverla meglio della storia di Greg Noll a Makaha.

Noll come detto in precedenza, è una leggenda del surf su onde giganti.
Nel 1969 Greg Noll era sull’isola di Ohau, alle Hawaii. Dormiva in una casa a quattro isolati dal mare. La mattina del 4 dicembre un tintinnio di stoviglie lo svegliò: le onde erano così grandi che schiantandosi sulla spiaggia facevano vibrare i piatti in cucina. Greg raggiunse il mare in fretta e furia: la costa era stata stravolta da quella che sarebbe passata alla storia come la mareggiata del secolo e le case della North Shore ancora intatte erano state evacuate dalle autorità. Si diresse verso Makaha. Lo chiamavano il toro, per via della stazza e della caparbietà con cui fronteggiava il mare. Aveva poco più di trent’anni e sapeva che, anche se avesse surfato ancora a lungo, la sua carriera di big wave rider probabilmente era agli sgoccioli. Le onde, quel giorno, erano gigantesche, forse le più grandi che avesse mai visto. In mare c’era un pugno di persone, ma nessuno sembrava in grado di domare quei bestioni. Qualcuno si avventurava sulla spalla dell’onda, la parte laterale e più piccola, ma non sembrava ci fosse qualcuno in grado di prendere di petto il picco, la sezione centrale e più alta. Anni dopo in molti avrebbero cercato di ridimensionare il mito, ma una leggenda vale più di mille dotte analisi e un racconto è spesso assai più vero della sua esegesi.
Il nostro eroe coprì di paraffina la tavola, pagaiò verso il largo e aspettò. Studiava la situazione, ma non riusciva a decidersi. Provarci e cadere poteva significare ritrovarsi indifeso in balia delle onde, con una elevatissima probabilità di lasciarci la pelle. E anche se non fosse affogato, c’era il rischio di farsi trascinare dalla corrente fino agli scogli, lontano dalla spiaggia. La verità era che per tutta la vita Greg aveva desiderato surfare un’onda veramente enorme, la più grande mai cavalcata. Adesso quell’onda stava per arrivare e lui voleva farsi trovare pronto. «Pensai: “Se non lo faccio, in un attimo avrò ottant’anni. Andrò in giro agitando il mio bastone, ancora incazzato per aver mandato in vacca il giorno che avevo aspettato per tutta la vita”. A vederla così, non avevo scelta».
Il sole calava, l’acqua si faceva via via più scura e più fredda. Intorno a lui non c’era più nessuno. Greg guardò i suoi piedi sospesi sull’abisso ai lati della tavola, poi scrutò l’orizzonte dietro di lui: al largo le onde sembravano ancora innocue colline morbide e gonfie. Ve ne siete resi conto? Passione, adrenalina, eccitazione, paura: questa è una storia d’amore. C’è un uomo che aspetta e che si guarda alle spalle, e c’è un’onda ancora lontana che cerca di raggiungerlo. Più in basso la corrente scorre via furiosa, con la ferocia con cui sempre scorre il tempo. Greg mise la prua in direzione della spiaggia, remò, si mise in piedi: in un attimo fu tutto finito e fu tutto più vero. Quel giorno il toro conquistò la sua ultima grande onda.

 

OSSERVARE IL MARE ATTIVA UNO STATO DI FELICITÀ

Un gruppo di ricercatori ha studiato la relazione tra il mare e la salute. I risultati hanno confermato ciò che già sapevamo: i rumori del mare stimolano la corteccia prefrontale, un’area del cervello responsabile delle nostre emozioni e della riflessione personale.

Secondo lo studio, il mare espande la capacità umana di auto-conoscenza, e produce anche benessere emotivo.
Stare a contatto col mare, quindi, ha un potere curativo. La sensazione di felicità che si genera osservando il mare
regola i livelli di serotonina
“l’ormone dell’amore” che controlla e riduce l’ansia.
Non solo, il movimento e il suono delle onde ci ricordano quello dei battiti del cuore delle nostre madri, quando ci trovavamo ancora nel ventre materno, generando una sensazione di sicurezza e protezione
.

“Il signor Palomar è in piedi sulla riva e guarda un’onda. Non che egli sia assorto nella contemplazione delle onde. Non è assorto, perché sa bene quello che fa: vuole guardare un’onda e la guarda. Non sta contemplando, perché per la contemplazione ci vuole un temperamento adatto, uno stato d’animo adatto e un concorso di circostanze esterne adatto: e per quanto il signor Palomar non abbia nulla contro la contemplazione in linea di principio, tuttavia nessuna di quelle tre condizioni si verifica per lui. Infine non sono le onde che lui intende guardare, ma un’onda singola e basta: volendo evitare le sensazioni vaghe, egli si prefigge per ogni suo atto un oggetto limitato e preciso.”
(Italo Calvino)
Ho scelto questo pezzo di Calvino per riflettere sulla complessità della comunicazione e quanto diffusa sia l’incompetenza comunicativa, tra tutti e anche tra i comunicatori ufficiali.
Etimologicamente il termine comunicazione indica l’azione del mettere in comune e pragmaticamente, significa scambio di comportamenti che ha come scopo il reciproco influenzamento. Quindi buon comunicatore è chi riesce a sviluppare dialoghi integrativi, che uniscano le differenze e producano senso e pratiche condivise per definire la realtà.
Il bravo comunicatore unisce, integra, influenza, attiva comportamenti di valore, per modificare comportamenti cognitivi, operativi, emotivi immediati o futuri, in una prospettiva di comprensione comune.
Questo è il senso dell’influenzamento dove la possibilità di “cambiare” l’altro dipende dalla propria disponibilità a essere “cambiato” dall’altro.
Il “bravo comunicatore” ha due aspetti che definiscono la sua competenza: 1) Come dare contributi agli altri in modo che li accettino e li usino 2) Come prendere contributi dagli altri in modo da capirli-usarli in caso di utilità per se stesso.

Se si vuol ricevere valore essendo ascoltati l’unica strada è quella di darne ascoltando.
Certo: quando due persone dialogano, se esprimono differenze, sono in qualche modo in conflitto, ma serve,proprio in questo caso, la capacità di apertura data dall’ascolto.
Una sana cultura del conflitto significa ascoltare contraddicendosi, cioè mantenendo la propria identità e nello stesso tempo, mettendola in dubbio attraverso il dialogo, la contraddizione.
La conflittualità diventa vitale e consente cambiamenti integrativi altrimenti è mortale e determina allontanamenti insanabili, comunicare è impossibile.
Credo che i peggiori siano proprio coloro che incrementano la cultura del conflitto (contro), dove e scopo è far fuori il nemico.
Non si può essere amici con tutti, ma l’abilità è di comunicare anche con i nemici, cercando di fare in modo che siano “buoni nemici” e non diventino “cattivi nemici.”
Il cattivo nemico cerca di far fuori l’interlocutore, mentre in buon nemico è duro con i fatti ma non con le persone.
Non si è buoni comunicatori se s’influenzano solo gli amici, perché in questo caso sono “cattivi amici”: morbidi nella relazione e con i contenuti espressi. A priori.
Prevalgono i cattivi nemici, che diffidano a priori, e la diffidenza fa cercare sempre il senso nascosto di tipo negativo anche nei gesti banali: perfino una stretta di mano diventa una prova di forza e ogni incontro è uno scontro che produce e facilita l’incomprensione come massimo comun divisore. O prevalgono i cattivi amici, che non aiutano a essere migliori.
I grandi comunicatori sanno leggere i segnali di fumo in una giornata di vento e sanno capire quale onda sta arrivando.
Il buon amico a volte può essere dentro la personalità di un buon nemico, certo: occorre saper leggere l’onda.

 

5 MOTIVI PER INIZARE A SURFARE: ECCO PERCHÉ POTREBBE CAMBIARTI LA VITA

All’inizio pensi sia difficile, la paura prende il sopravvento e credi di non potercela fare, ma poi capisci che i limiti sono solo brevi illusioni, il surf è uno sport faticoso, lascia il segno.
Le soddisfazioni che regala però ne valgono la fatica. Ecco perché molte delle persone che lo praticano considerano il surf non solo uno sport, ma un vero e proprio stile di vita: non solo il contatto con la natura, i nostri limiti, l’amore per l’ambiente ed il viaggiare – spesso immersi in culture locali -, tutto questo ci aiuterà a cambiare la nostra forma mentis diventando più flessibili, pazienti, tolleranti e quindi più forti.Basta solo provare e avere rispetto del mare e dei propri limiti.
Il surf può essere una metafora di vita: cavalcare grosse onde, continuare a remare senza fermarsi davanti agli ostacoli e affrontare la paura per poi lasciarsi andare al “flowseguendo il dolce flusso dell’acqua. A volte però si perde l’equilibrio, si cade: farlo senza perdere il controllo, è una delle lezioni più importanti di questo sport. Una volta imparato questo in mare – in mezzo a onde potenti e correnti indiavolate -, farlo nella vita di tutti i giorni sarà un gioco: il surf aiuta a crescere e fortifica l’animo umano.
Il surf è uno sport che pone l’atleta a diretto contatto con la natura. Spesso infatti, molti degli spot dove fare surf, sono mete di grande fascino che permettono di intraprendere viaggi alla scoperta di un globo meraviglioso, sempre più selvaggio, libero e lontano dalla routine. Nulla rigenera come l’acqua dell’oceano. Il surf è – a differenza di quel che si crede -uno sport invernale (le migliori mareggiate, si verificano con l’abbassarsi delle temperature). La sensazione è pura energia.
Le spiagge (spot) per fare surf, sono spesso frequentate da atleti di grande fascino, con il loro atteggiamento disinvolto, libero. Un po’ selvaggio e fiero.
Limitatevi ad ammirarli nelle loro prodezze, se proprio ci cascate: divertitevi! Di solito, si tratta di persone che amano la libertà. Ma tutto può succedere
Si tratta solo di remare, superare le onde fino alla lineup, iniziare a scivolare sulle pareti dell’onda: divertiti e segui il flow.

 

L’ASCOLTO DEL MARE

L’oceano, anch’esso ha 1 frequenza cardiaca pari ad 1 battito ogni 1000anni.

Il battito cardiaco dell’oceano con frequenza millenaria ha origine ai poli nord e sud.
Gli strati superficiali dell’acqua catturano l’ossigeno dall’aria dell’artico, poi si abissano portando O2 alle numerose forme di vita nei fondali. L’acqua fredda percorre gli oscuri abissi fino a quando raggiunge l’equatore dove riscaldandosi sale in superficie in direzione dei poli, creando 1 altro ciclo.

Anche gli oceani come noi esseri umani presentano 1 loro sistema circolatorio

Quando dei microbi entrano dentro di me, le cellule del sistema immunitario corrono verso gli invasori per neutralizzare la minaccia.
La corrente millenaria dell’oceano è 1 vero sistema circolatorio, perché trasporta anch’esso gli anticorpi verso le sedi delle infezioni.
Ogni sistema circolatorio ha dei giocatori essenziali, nel mio corpo sono le mie cellule, e nell’oceano sono i batteri.
Negli esseri umani i batteri sono minacce che il mio sistema immunitario deve combattere, nell’oceano i batteri sono il sistema immunitario. Sono talmente piccoli che posssono essere trasportati dalla corrente dell’oceano.
L’oceano ospita batteri che spostandosi con la corrente distruggono metalli nocivi, sostanze chimiche tossiche, fuoriuscite di petrolio…
Immaginando che un piromane voglia bruciare un palazzo, i primi ad intervenire sono i pompieri. Nell’oceano i pompieri sono i batteri che nutrendosi delle sost tossiche si moltiplicano!
Una volta che la tossina è stata eliminata, i batteri muoiono, proprio come i primi soccorritori che vanno via dopo aver spento il fuoco del palazzo. Quando il sistema immunitario reagisce in maniera esagerata producendo troppi anticorpi, questi possono distruggere la filosofia dell’organismo.

Nell’oceano si può verificare lo stesso tipo di reazione che lo porta in uno stato non sano!
Se un’infezione è sufficientemente grave i batteri aiutanti possono moltiplicarsi in modo incontrollato creando più danni che benefici.
Il mio sistema immunitario protegge dalle malattie, ma se si altera può uccidermi, cosa accade se il sistema mmunitario dell’oceano si altera?
L’istinto di un’ape è quello di difendere il suo alveare pungendo il suo nemico ed iniettando il suo veleno, spesso letale. Dopo la puntura l’ape muore… la vita dell’oceano farà lo stesso?

Come fanno i microrganismi a respirare?
Inspirare non significa respirare, ma inalazione! Nel mio corpo la vera respirazione avviene nei mitocondri.

La respirazione è il passaggio di elettroni da un donatore ad un appropriato ricettore di elettroni.
La maggior parte di specie viventi respira trasportando elettroni verso atomi di O2 all’interno dei loro mitocondri.
Molti batteri invece respirano indirizzando gli elettroni verso i metalli disciolti nell’H2O del mare.

Il mio cervello utilizza circa 100 miliardi di connessioni elettriche che collegano le cellule che processano i miei pensieri, anche l’oceano possiede una connessione elettrica costituita da 100mila milliardi di miliardi di cellule batteriche. È una rete altamente interconnessa, come quella del mio cervello, il mare è in grado di pensare!
Capiamo meglio, questa cellula (lampadina accesa),

invia un segnale tramite il filo comunicante con la giunzione (tre punti di contatto), dalla giunzione prende unadecisione, sceglie dove inviare il segnale e lo invia alla cellula (lampadina) di sx!
Quando una moltitudine di queste cellule è interconnessa, si ottine una rete in grado di processare unenorme quantità di informazioni.

L’oceano può pensare?… L’oceano può elaborare informazioni e pensare! Queste reti elettriche sono pensanti!
La reazione è osservabile a livello di comunità, l’oceano potrebbe avere un cervello che utilizza nanofili batterici esistenti nei sedimenti oceanici. L’ecosistema oceanico nel suo complesso è una forma vivente e pensante!  Da qui deduco che io essere umano posso imparare a comunicare ed interpretare l’umore dell’oceano!

La catena alimentare trasporta i nutrienti da 1 organismo all’altro all’interno dell’ecosistema, proprio come untreno trasporta il cibo dove è necessario. Se il treno si ferma il cibo scarseggia e l’intera città rischia il collasso.
L’oceano è un ecosistema complesso nella sua vastità, costituito da molti differenti ecosistemi.
Per determinare le condizioni dell’oceano, è necessario analizzare i parassiti. I parassiti, elemento perno del processo di riproduzione del sistema biologico, indicano che i nutrienti circolano in maniera corretta attraverso di esso.
Immaginiamo i parassiti come una lucetta del treno, la rossa un tipo di parassita, la verde è un altro.

Li osservo mentre percorrono il loro percorso lineare lungo la catena alimentare (il percorso del treno), sostando alle varie fermate che rappresentano i vari ospiti del loro ciclo vitale, se l’esistenza dei parassiti fosse compromessa (ad ex il circuito del treno è interrotto) potrebbe essersi spezzata la catena alimentare e l’ambiente andrebbe dritto verso la catastrofe!

SURF e SPORT

Nulla sostituirà la pratica per migliorare in surf, ma a seconda delle condizioni, della località o del tempo a disposizione è talvolta difficile surfare quanto si vorrebbe.

Hai mai avuto la sensazione di non riuscire a migliorare ulteriormente in surf semplicemente perché ti mancano forza, fiducia o perseveranza?

Una regolare attività fisica a complemento è indispensabile per migliorare nel surf; e quando non puoi essere in acqua, ti permette soprattutto di:

  • evitare ferite
  • essere meno stanco durante e dopo le uscite
  • preparare la muscolatura per essere più performante sulle onde
  • migliorare la presa di coscienza corporea, il gesto tecnico e, quindi, in breve: MIGLIORARE NEL SURF!

Quali sono i punti a cui lavorare per migliorare nel surf:

  • Per passare la barra in surf, avrai bisogno di endurance e potenza

    Nel surf, comunque, si passa il 90% del tempo a spingersi con le braccia: quindi, è meglio sviluppare l’endurance. Dopodiché, arriva il fatidico momento del passaggio della barra in cui avrai bisogno della massima potenza delle braccia per avanzare molto in fretta tra le serie e favorire movimenti profondi per superare le onde che si frangono.
  • Per il take-off in surf avrai bisogno di esplosività

    Per favorire l’ingresso nell’onda veloce ed esplosivo, occorre essere capaci di aumentare considerevolmente il ritmo della bracciata / pinneggiata e riuscire quini ad eseguire le ultime bracciate decisive. Dopodiché, avrai bisogno di fare appello a tutta la tua forza muscolare per realizzare appoggi potenti (in caso di tavole spesse, e manovre
  • Per eseguire la successione di manovre con fluidità, avrai bisogno di equilibrio e flessuosità

    La flessuosità è necessaria per potersi piegare facilmente e massimizzare la velocità sprigionando il potenziale del surf
  • Per sentirti più sicuro in caso di caduta, avrai bisogno di esercitare il respiro

    L’apnea è necessaria quando le condizioni di pratica diventano tali da impedirti di rimanere nella tua zona comfort allo scopo di gestire più facilmente l’immersione non sempre desiderata.

IL NUOTO PER MIGLIORARE L’ENDURANCE

Numerosi sport “cardio” possono aiutarti a migliorare l’endurance in surf, ma alcuni meglio di altri. È il caso del nuoto, sport che ha più somiglianze con il surf.
Per iniziare, nuoto e surf sono entrambi sport acquatici: saper nuotare è fondamentale per sentirsi a proprio agio nell’ambiente marino. Pertanto, sviluppando la tecnica di nuoto potrai passare la barra più in fretta e riapparire in superficie immediatamente dopo i wipeout.
La difficoltà principale nel surf non è realizzare il take-off ma agganciare un’onda: esercitando quindi più specificamente il movimento del crawl che fa appello agli stessi gruppi muscolari della bracciata nel surf.


L’ALLENAMENTO DI NUOTO APPLICATO AL SURF:

Alterna le vasche della piscina a un allenamento frazionato: per esempio, esegui in successione due vasche al tuo ritmo e quindi nuota per 25 m il più velocemente possibile (immagina di dover superare la barra in surf). Questo tipo di esercizio permette di sviluppare sia l’endurance sia l’esplosività.

L’APNEA PER MASSIMIZZARE LA FIDUCIA E AFFRONTARE MENO WIPEOUT

Quando cadi dalla tavola, non hai necessariamente il tempo di riprendere il fiato prima di ritrovarti sott’acqua nella zona d’impatto. Quanto si tratta di riprendere fiato in mezzo a una serie di onde ravvicinate… il tempo sott’acqua può talvolta sembrare lungo.
La maggior parte delle onde non ti terrà sott’acqua più di 12 secondi: più che il respiro, sarà il sangue freddo ad aiutarti a gestire la situazione sott’acqua.
Sfrutta il lavoro in piscina per esercitare di più la bracciata, la capacità di gestire lo stress e di calmare il cuore grazie agli allenamenti di apnea: rilassati sott’acqua, trattieni il respiro e prova a far scendere il ritmo cardiaco in modo da consumare meno ossigeno sott’acqua.
Per surfare in tutta tranquillità, ti raccomando di saper trattenere il respiro almeno per 40-60 secondi.

LA MEDITAZIONE PER SVILUPPARE IL RESPIRO E LA FLESSUOSITÀ


Lo yoga, insieme alla meditazione, sono ottimi per eseguire un lavoro sulla sfera mentale e fisica: due punti irrinunciabili nel surf.

SVILUPPARE LA CAPACITÀ RESPIRATORIA E MIGLIORARE LACONCENTRAZIONE

La meditazione, l’apnea, lo yoga sono un vero vantaggio per controllare il respiro e mantenere il sangue freddo. Quando si va in panico sott’acqua travolti da un’onda, i battiti del cuore accelerano, il cervello è in allerta, subentra lo stress e, logicamente, si perde il controllo sulla respirazione. Avendo il controllo del respiro in situazioni critiche in surf è possibile controllare meglio le emozioni e agire in piena coscienza.

RAFFORZARE E RENDERE FLESSUOSO IL CORPO

Sul piano fisico, la pratica dello yoga permette di rilasciare le tensioni accumulate nei muscoli, diventare più flessuosi e rafforzare i muscoli profondi.
Dopodiché, potenziando la forza muscolare e l’equilibrio eseguirai le manovre correttamente; particolarmente utile a questo scopo si rivelano le posizioni dello yoga.
Sviluppando la flessuosità potrai, invece, adottare uno stile di surf più “rilassato” detto “loose”, anche molto più estetico.

IL CROSS-TRAINING PER SVILUPPARE L’ESPLOSIVITÀ

Facendo surf si sviluppano i muscoli delle braccia e dorsali ma poco quelli addominali e delle gambe.Inoltre, per essere efficaci, potenti e bilanciati, è bene allenare questi muscoli fuori dall’acqua.
Il surf sviluppa poco gli addominali ma soprattutto i dorsali, il che può creare uno squilibrio muscolare responsabile di dolori lombari. Previeni il mal di schiena effettuando regolarmente qualche esercizio.

ADDOMINALI:

La buona tonicità dei muscoli assiali offre una trasmissione ottimale delle forze muscolari al resto del corpo. Sono indispensabili all’ottimizzazione di qualsiasi gesto sportivo poiché essendo i muscoli principali dell’equilibrio, sono stabilizzatori.
Il burpee è parte integrante dell’allenamento dei surfer professionisti. Questo esercizio consiste nell’eseguire in rapida successione e senza pause: uno squat, una flessione sulle braccia, una flessione sulle gambe, per concludere con un salto verticale battendo le mani.


Il burpee è l’esercizio più indicato per ripetere il take-off in surf

LO SKATEBOARD PER SVILUPPARE L’EQUILIBRIO E LA TONICITÀ DELLE GAMBE

Grazie alla specifica piastra, il surfskate carver riproduce il movimento del surf consentendo così di migliorare la propria tecnica all’infinito sull’asfalto.
A differenza degli skateboard tradizionali, il surfskate carver ti insegnerà a flettere al massimo gli appoggi e ti aiuterà a comprendere il modo in cui muovere il bacino e le braccia per avanzare e creare velocità, come quando evolvi sull’onda in surf.
Per rimanere sulla tavola, è quindi tassativo esercitare la propriocezione e la muscolatura.

L’OSTEOPATIA, PRINCIPI ED APPLICAZIONE

L’osteopatia è una filosofia, una terapia manuale e una scienza medica, non prevede l’utilizzo di farmaci, non si occupa di patologia ma della Salute.
Essa offre il suo contributo terapeutico in ogni condizione patologica, nel nome delle leggi naturali e delle forze vitali che governano la vita.
L’intervento osteopatico fonda i propri principi olistici sulla fisica, chimica, biologia, neurofisiologia e biomeccanica del corpo umano. Essa garantisce il ripristino equilibrato di tutte le suddette forze nel corpo, fisiche, chimiche e mentali, e garantisce di fatto i presupposti necessari alla guarigione, rispettando la relazione tra corpo-mente-spirito.
I principi biomeccanici alla base del concetto osteopatico riguardano tutti i piani di esistenza dell’uomo: fisico, mentale e spirituale. A differenza di altri approcci terapeutici, l’osteopatia “opera sulla qualità della vita” e studia l’individuo nella sua totalità: non fa diagnosi di Patologia, non si occupa del Sintomo, ma dello stato di Salute.
Riconosce l’esistenza di leggi che regolano l’universo interiore dell’uomo, ben oltre le semplici reazioni biochimiche, favorendo il naturale processo di autoregolazione e autoguarigione del corpo.

Il trattamento osteopatico incoraggia e supporta i principi omeostatici del corpo ed il suo equilibrio naturale.
L’intervento osteopatico è basato sull’unicità psico-fisica del paziente nell’istante preciso della consultazione,piuttosto che sulla definizione patologica in cui il paziente viene imprigionato e ridotto.
Ciò richiede un’attenta valutazione della sua fisionomia, costituzione corporale, stato psico-emotivo, capacità di recupero, postura, ampiezza dei movimenti attivi e passivi, vitalità espressa nella motilità viscerale, fasciale e nel ritmo cranio-sacrale.
Nella luce di tali presupposti, il quadro sintomatico acquisisce un’importanza secondaria (ad eccezione dei casi che mettono a rischio la vita o la stabilità psico-fisica del paziente), poiché viene inserito nella condizione globale dell’individuo in esame.
Ciò implica un distacco dell’intervento terapeutico dall’area in cui si manifesta il sintomo.

Su cosa può intervenire l’osteopatia? Premesso che l’osteopatia non cura patologie, ma promuove la capacità di recupero e guarigione del corpo ottimizzandone i processi fisiologici e fisici, il campo di azione dell’osteopatia ricopre:

  • Cervico e lombo algie;
  • Colpo di frusta, colpo della strega;
  • Nevralgie, artralgie e dolori reumatici;
  • Spasmi e crampi muscolari, capsulite adesiva;
  • Sindrome dell’intestino irritabile;
  • Costipazione, coliche neonatali;
  • Emorroidi;
  • Asma, cefalea, emicrania;
  • Otiti e sinusiti;
  • Disfunzioni circolatorie periferiche;
  • Disfunzioni temporo-mandibolari e del sistema stomatognatico;
  • Malocclusioni ortodontiche;
  • Prolassi o spasmi del pavimento pelvico;
  • Dolori mestruali, lombalgie di gravidanza;
  • Cistite, infertilità;
  • Incontinenza;
  • Disfunzioni endocrine;
  • Somato-emozionale.

OSTEOPATIA E MARE

“Dell’acqua non si può fare a meno, soprattutto quando il cammino è lungo…”

Il tessuto fasciale è un tessuto connettivale, ovvero tessuti fibrosi collagenici (sistema di trasmissione di forze tensionali), legamenti, tendini, strato intramuscolare + interno, duramadre-perinervio-periostio… la fascia è presente in tutti i tessuti molli del corpo.
L’acqua ha le stesse caratteristiche della fascia, sono tessuti colloidi, composti da particelle di materiale solido finemente disperse in un fluido. La quantità di resistenza che i colloidi offrono al carico applicato aumenta in maniera proporzionale alla velocità della forza applicata. Un ottimo esempio di comportamento colloidale è farina unita ad acqua, la risultante è un composto colloide che lentamente mescolato con un cucchiaio, il movimento è fluido, ma se si tenta di muoverlo rapidamente, esso è capace di sviluppare una resistenza semirigida e quindi una resistenza fluidodinamica.
L’accumulo di energia è un’altra caratteristica della preparazione al movimento, se vogliamo indurre modificazioni nelle strutture fasciali, quindi renderli maggiormente suscettibili al cambiamento, come gli strati fasciali più superficiali e lassi piuttosto che fasce profonde e dense, è necessaria l’applicazione di una pressione manuale delicata e sostenuta e ridurre la resistenza tessutale e fluidodinamica.
L’organismo si regola e si adatta all’ambiente circostante grazie al feedback sensoriale che trasmette le informazioni riguardanti i fabbisogni interni ed esterni alla corteccia cerebrale.
L’acido ialuronico presente nel nostro corpo (HA) ha funzione lubrificante e coadiuvante per il mantenimento della viscosità della matrice extracellulare (MEC). Quest’ultima rappresenta il substrato su cui tutte le cellule dei tessuti possono aderire, migrare, proliferare e differenziare. Se pensiamo che i tessuti connettivi costituenti primari della cute e delle ossa, formano l’impalcatura degli organi, comprendiamo come sia proprio l’organizzazione quantitativa e qualitativa delle macromolecole della loro ECM a determinare la tipologia di tessuto connettivo più adatto ai requisiti funzionali dei vari organi.
Uno strato di (HA) si interpone tra la fascia profonda ed il muscolo. Il grado di efficacia deriva dall’aumento del rapporto fluido-pressione dell’acido ialuronico, quindi durante il trattamento la pressione generata nel fluido interposto tra muscolo e fascia causa l’aumento dello spessore del fluido. La vibrazione perpendicolare e l’oscillazione tangenziale possono aumentare l’effetto del trattamento nella membrana extracellulare, in modo che l’utilizzo di terapie manuali caratterizzate da manovre di scivolamento costante, permettono di ottenere ulteriori benefici.
La fascia e l’acqua si adattano idrodinamicamente in risposta agli stimoli meccanici.
Ovvero: compressione ed allungamento, grazie ad un ciclo meccanico di spremitura e riempimento. Questo suggerisce che almeno una parte degli effetti della terapia manuale e dell’esercizio fisico (relativi alla massima fluidità del movimento, ridotta rigidità ecc…) siano collegati ai cambiamenti nel contenuto di H2O nei tessuti connettivi. Questo processo ha una forte rilevanza nella riduzione di edemi, aumento dell’idratazione di proteine disidratate, permettendo così una maggiore estensibilità dei tessuti.
Le cellule di tessuto connettivo applicano forze tensili a livello delle fibre della membrana extracellulare, che a loro volta impediscono alla sostanza fondamentale disidratata di assorbire fluidi e gonfiarsi, quindi il tessuto connettivo è visto come protagonista attivo nel mantenimento dell’equilibrio dei fluidi e della fisiologia corporea.
Il fluido presente nella MEC crea uno spazio per il trasporto di nutrienti, cataboliti e messaggeri cellulari facilitando l’omeostasi tra lo spazio extracellulare e quello intracellulare. Inoltre, il sistema linfatico uno dei sistemi naturali di difesa dell’organismo,  sistema di drenaggio che trasporta la linfa dallo spazio interstiziale dei tessuti (lo spazio presente tra le cellule) al sistema circolatorio venoso, filtra questo rifornimento durante il passaggio nell’oceano dei fluidi interstiziali e lo drena nel sistema venoso.
I fibroblasti si adattano alla tensione del tessuto connettivo tramite una regolazione omeostatica della pressione interstiziale e del flusso di liquidi transcapillari. La trasmissione delle forze dai fibroblasti alla membrana extracellulare induce variazioni nella pressione idrostatica interstiziale influenzando la risposta a traumi ed infiammazioni. Le contrazioni isometriche utilizzate nelle tecniche ad energia muscolare (la tecnica è accompagnata dalla contrazione muscolare del paziente) aumentano il drenaggio dagli spazi interstiziali riducendo la concentrazione di citochine pro-infiammatorie.
La rilevanza clinica della dinamica dei fluidi e della fascia, indicano il ruolo chiave svolto dai fluidi/H2O nella flessibilità e rigidità, così come nella distribuzione di nutrienti prodotti pro e anti-infiammatori, e sul drenaggio dei cataboliti durante processi organici quali infiammazione e riparazione tessutale, influenzando così l’omeostasi corporea.

COME SI INSTAURANO I PROBLEMI FASCIALI

Le cause tendono a essere facilmente riassunte come: sovraccarico, misuso, disuso e abuso. Le disfunzioni fasciali possono instaurarsi a partire da un trauma in evoluzione (sovraccarico, misuso e disuso) o da una lesione improvvisa (abuso) che conducono all’infiammazione e ad un inadeguato rimodellamento (quale un’eccessiva cicatrizzazione o lo sviluppo di fibrosi).
Si può instaurare una “densificazionedel tessuto fasciale, (o dell’acqua) che altera i rapporti miofasciali, riducendo lo scivolamento tessutale, alterando l’equilibrio muscolare e la propriocezione. Il risultato di tali modificazioni, un carico cronico del tessuto forma “pattern disfunzionali globali dei tessuti molli”.
“Quando la fascia è stressata eccessivamente a livello meccanico, infiammata o immobilizzata, la deposizione di collagene e di matrice diventa disorganizzata, portando la formazione di fibrosi e aderenze”.
La combinazione di irritazione, infiammazione, acidificazione, densificazione del tessuto connettivo lasso può causare dolore miofasciale quale risultato della “iperattivazione delle terminazioni nervose libere”, che a sua volta provoca infiammazione locale, dolore e sensitizzazione. Questi cambiamenti possono essere reversibili tramite la riduzione della rigidità, densità e viscosità tessutale e miglioramento del PH; tutti questi risultati sono raggiungibili tramite l’applicazione di terapie manuali.
Inoltre, il tessuto fasciale è influenzato in gran misura dal processo di invecchiamento e dall’inattività che può essere conseguente a malattie o a dolori concomitanti.
Con l’invecchiamento la pelle cambia con presenza di rughe, riduzione cellulare di fibroblasti e collagene a livello superficiale. Una parte di questo fenomeno comprende la perdita di elasticità tissutale. Al tempo stesso, si verifica una atrofia delle cellule adipose, così le caratteristiche qualitative e quantitative del sistema fibro-adiposo connettivale cambiano e le sue proprietà viscoelastiche si riducono. Inoltre, la cute e la fascia superficiale sottostante si allungano e si rilassano, determinando sia una ptosi dei tessuti molli sia un’alterazione della loro forma con deposizione di adipe e formazione di cellulite.

VALUTAZIONE DEL PAZIENTE

Io osteopata, incomincio da una valutazione generale del paziente.
Vado a valutare la situazione omeostatica (persa), tramite test che mi permettono di capire il grado di capacità di adattamento dell’individuo a riguardo degli stress che stanno agendo su di lui in quel momento (fisico, chimico, nutrizionale, elettromagnetico, psicosociale, viscerale…), e le sue capacità di risposta, ovvero compensazione.
Vado a valutare il paziente nella sua completezza:

  1. diaframmi (tentorio, toracico sup, toraco addominale, pelvico);
  2. cambio di curve (cifosi, lordosi);
  3. dolori muscolari;
  4. cambi di pressione tra le cavità (cranio, cervicale, torace, addome, pelvi)à giunzioni (occipito-atlantoidea, cervico-dorsale, dorso-lombare, lombo-pelvico…)

Quindi le aree di transizione al livello funzionale sono dei punti di cambiamento (vertebrale, posturale, diaframmatico…) dotati di maggiore adattabilità/mobilità. Per questo mi permetteranno di valutare le capacità omeostatiche dell’individuo.
Quindi più l’individuo è in salute e più queste saranno elevate, le persone con alto deficit di salute, ovvero basso livello adattativo, presenteranno aree sotto stress che nella maggior parte dei casi vengono associate a dolori fisici.
I primi a pagare per questi scompensi strutturali e funzionali sono i fluidi (dinamica; i quali si muovono grazie ai gradienti pressori: pressione oncotica, osmotica…) avremo così tendenza ad un’area più congestizia ed un’area meno idratata, crea così i presupposti per un dismetabolismo cellulare. Tanti fluidi trascinano i nutrienti (ossigenazione, elttroliti, neuromodulatori, ormoni /organico/sistemico) così portano ad 1 predisposizione, sviluppo di una patologia.
Riassumendo il mio compito è quello di capire quali sono le qualità di risposta dell’individuo ad eventuali disfunzioni sociali/economiche/nutrizionali/professionali/ergonomiche/ fisiche (correlate ad eventuali farmaci che sta prendendo, interventi che ha sostenuto, traumi che ha subito). Tutte queste alterazioni creano un carico allostatico che agisce sull’individuo e che dovrà in qualche modo affrontare, e sfrutterà le sue capacità di adattamento individuali.
Quando si crea un sovraccarico tra le capacità omeostatiche ed il carico allostatico, origina una risposta disadattativa.

La risposta disadattativa può prendere diverse forme:

  • Locale: disfunzione somatica, cosa significa per il soggetto, qual’è l’impatto che crea?
  • Globale: qual’ora ci sono una serie di parametri che sovraccaricano al livello allostatico, l’individuo collassa nelle sue capacità di risposta, il disadattamento si esprime non più in una disfunzione somatica ma in un disadattamento generale che porta ad 1 disfunzione allargata, più profonda che include dei ritmi involontari (cranio-sacrale, fascia, viscerale, fluidi), sintomi aspecifici come insonnia, disturbi nell’alimentazione, irritabilità, dismetabolismo, disturbi nel ciclo, disturbi nell’attenzione.

Quando si presenta questa informazione globale, io come osteopata vado ad interrogare l’organismo del paziente e non riesco a trovare aree locali disfunzionali, ma è come se tutto il sistema è andato in disfunzione per cui i ritmi involontari sono disorganizzati ha una vitalità bassa (cranio in compressione, asincronia occipite-sacro ecc…, tutti parametri di disadattamento generale e non locale).

Un test fasciale globale è la valutazione degli involucri fasciali.
Sfrutto principalmente il ritorno elastico dei tessuti, si vede come l’onda di trazione e compressione viene trasmessa. Ascolto. Le estremità possono indicare problemi sulle caviglie e polsi.


Ogni soggetto ha 5 estremità, qualunque problema si manifesterà a questo livello come se fosse “un lago fasciale”. Mostra eventuali disfunzioni in qualsiasi parte del lago.
Immaginiamo un sasso che cade e le onde possono essere apprezzate in qualsiasi parte della costa. Un sasso disfunzionale (punto blu) le onde vicino al sasso sono piccole e più veloci, nella mia valutazione sento varietà di velocità ed ampiezza, più mi avvicino al punto disfunzionale e più il ritmo viene deformato,attratto in quella zona e poi il ritmo diventa più veloce e più piccola la sua escursione.
È utile valutare le zone che coinvolgono la costa e se vi è una positività nella costa allora esploro dentro.

Per capire, nell’analisi delle fasce e dei fluidi, dov’è la profondità mi focalizzo su dove mi trascina, quanto è profondo e poi eseguo uno scanning. Visualizzo i diversi involucri:

  • superficiale (sottocutaneo);
  • meningea;
  • viscerale;
  • assiale (nella periferia è il muscolare profondoàquadricipite, cuffia dei rotatori della spalla…)

 

OSTEOPATIA SOMATOEMOZIONALE

Il somato-emozionale è osteopatia non è una branca a parte! Nell’osteopatia somato-emozionale, ci occupiamo di

  1. struttura ossea e muscolare;
  2. viscerale;
  3. emozione;
  4. arterie;
  5. neurologia;

tutto questo è raggruppato nel termine somato-emozionale.

Quello che è fondamentale nel somato-emozionale è capire! Innanzitutto, comprendere il paziente ed i suoi sintomi. Da questa comprensione avremo un’azione.

Sarà fondamentale comprendere:

  1. la struttura del soggetto;
  2. come si è formato il problema;
  3. comprendere il suo grado di dolore ed infiammatorio. Qui è necessario conoscere tutta la chimica dell’infiammazione e qual’è il messaggio del corpo, sapendo che tutto quello che succede nella vita non è mai frutto del caso.

La prima cosa che ci permette di individuare questo percorso è conoscere la storia dell’individuo.Ciascuno regola parte delle tensioni del corpo-strutturali-fisiologiche.
Tutti i traumi determinano una stimolazione del corpo, a sua volta tutto ciò che stimola il corpo crea uno stress. Lo stress non stimola dal punto di vista emozionale, è quando chiediamo a noi stessi di adattarci e quindi lo stress è una sindrome di adattamento.
Il cambiamento richiede produzione di energia. Noi siamo in continua produzione di energia, per determinare un continuo adattamento.
Questa nozione di stress genera un’emozione. Il termine emozione deriva dal latino “ex motere”, ovvero muoversi fuori e avere una reazione.
Il trauma scatenato dall’evento produce una reazione nel nostro corpo e che il cervello traduce.
Il nostro corpo produce un ormone che non può essere interrotto, le “endorfine”, l’ormone del piacere.
Così il cervello si ritrova in una situazione di pressione interna e va alla ricerca di una soluzione. Dunque, quando non ci si può muovere verso l’esterno (ex motere), ci sarà un movimento verso l’interno. Si determinerà così la produzione di una “inmozione”, e avremo così una somatizzazione, la quale si focalizzerà nel corpo attraverso il simbolismo.
Tutto quello che modifica la nostra percezione sensoriale al livello fisico, psichico, climatico, energetico e sensoriale dello stato in cui ci si trova può essere definito trauma e stressare così il nostro corpo.
Infatti, quando incontriamo qualcuno, sarà il primo contatto sensoriale che abbiamo con quella persona a dare un apprezzamento di questa persona tramite il cervello.
L’apprezzamento è tipico di ognuno di noi, ed è importante il modo in cui vediamo le cose.
Successivamente, abbiamo la nozione energetica, la quale determina la capacità di adattamento.Abbiamo abbastanza energia per andare avanti?
Fabbrichiamo tutti ATP, la nostra energia la quale è differente per ogni individuo.

Ogni volta che abbiamo bisogno di adattarci, il cervello ci darà un’emozione, ovvero una reazione in funzione della percezione. Questa percezione genera un adattamento, se quest’adattamento non è possibile perché siamo stanchi o altro si creerà una “inmozione”, una fissazione all’interno del corpo che definiamo somatizzazione.
Da tutti i traumi, che siano fisici, psichici, sensoriali, energetici, climatici, si crea un adattamento. Quest’adattamento sarà vascolare, chimico, strutturale, energetico.
Ad un’azione segue una reazione, se non c’è una reazione, avremo una messa in stand-by dell’informazione così l’informazione sarà bloccata nel corpo secondo nozioni semplici di fisiologia.
Tutto dipende dall’intensità del dolore che il corpo riceve.
Se la sofferenza è poca, il corpo si adatta e fisserà l’informazione. Se non accetta l’informazione ricevuta, e non se la sente di reagire, blocca l’info nella struttura, genera una catena muscolare-comportamentale. La nozione di catena appare a seconda di ciò che è stato percepito, avremo un dolore nelle varie regioni del corpo, perché a seconda di quello che abbiamo percepito avremo una risposta. C’è stata così una modifica nella mia posizione strutturale e posturale, sarà così necessario rilasciare la pressione interna.
Il cervello rilascerà questa pressione interna (l’evento vissuto), tramite un sintomo periferico.
Se il corpo non riesce a rilasciare la pressione strutturale, ci sono dei processi chimici, i quali si tradurranno in disturbi di tipo istaminico, che creeranno delle grandi allergie, dermatiti, infezioni, ovvero delle valvole di sfogo che nascono da ormoni secreti dal cervello per eliminare le tensioni interne.

 

CONCLUSIONE

In conclusione, l’obiettivo di questo articolo è rendere l’individuo a conoscenza della forza del benessere fisico ed interiore. Questi ultimi sono frutto del trovare il tempo per accogliere le nostre passioni, che al giorno d’oggi è molto difficile date le richieste della nostra società che ci proietta verso una vita molto frenetica e disordinata, coltivandole ed unendole allo sport estrema fonte di rafforzamento metabolico e rilassamento emozionale.
Il mio compito come osteopata è quello di aiutare il paziente tramite l’analisi dei propri disturbi fisici, propriocettivi e metabolici ad accelerare i tempi di recupero e stabilizzare la fonte di energia.
L’obiettivo di questo piccolo depliant è quello di incuriosirvi a fine di approfondire, di persona, questa affascinante relazione che vi è tra la persona ed il corpo umano.

 

SCARICA IL PDF